Contenuto principale

Messaggio di avviso

banner pon

Obiettivo della valutazione è la valorizzazione dei progressi, delle conquiste, delle abilità, delle attitudini della persona ed è quindi necessario garantire la costruzione di un contesto formativo idoneo a rispondere sempre meglio alle diverse esigenze degli alunni, muovendo innanzitutto dall’osservazione.

Il criterio di valutazione è uguale per tutti gli alunni e si basa sul raggiungimento degli obiettivi previsti dalla programmazione della classe e  dal piano educativo individualizzato, nei casi specifici.

VALUTAZIONE E INTEGRAZIONE

Premesso che ogni processo di verifica è strutturato nel rispetto dei tempi d’esecuzione, dei luoghi a cui l’alunno è abituato e dell’utilizzo degli strumenti, gli insegnanti formulano il giudizio valutativo utilizzando strumenti di verifica quali:

  • osservazioni sistematiche
  • prove soggettive ed oggettive, calibrate in base al percorso;
  • prove strutturate e non;
  • prove semplificate nella complessità e ridotte in quantità;
  • prove individualizzate relativi ai contenuti svolti individualizzati e/o personalizzati
  • differenziate congruenti al percorso differenziato svolto

Sulla base del piano di studio individualizzato, sono predisposte prove d’esame corrispondenti agli insegnamenti e utili a valutare il progresso dell’allievo in rapporto alle sue potenzialità e ai livelli di apprendimento iniziali. Gli alunni possono svolgere una o più prove differenziate in linea con gli interventi educativo - didattici attuati sulla base del PEI. (C. M .n.28 15/3/2007).
Gli alunni con diagnosi di disturbi specifici di apprendimento (DSA), potranno avvalersi dell’impiego di misure dispensative e strumenti compensativi come indicato dalla nota ministeriale prot. 4099 del 5 ottobre 2004, richiamata dalla nota prot. 26/A del 4 gennaio 2005.

Continuità

Il nostro Istituto dedica molta attenzione al passaggio da un ordine di scuola all’altro, in particolare alla raccolta o alla trasmissione di tutte le informazioni fornite dalla famiglia, dagli insegnanti, dai medici e dagli operatori che conoscono l’alunno, in modo da garantire un reale percorso di integrazione scolastica. Subito dopo l’iscrizione il G. L. H. d’Istituto valuta le necessità degli alunni per attivare tutti quei servizi che consentono il regolare inizio e svolgimento dell’anno scolastico.
Quando se ne presenta la necessità è possibile che l’insegnante di sostegno dell’anno precedente segua in un primo momento il passaggio nella nuova scuola. Vengono anche favorite momenti di incontro e di attività didattiche congiunte.

VALUTAZIONE NELLA SCUOLA PRIMARIA

Nel corso della scuola primaria vengono elaborate le diverse programmazioni educativo- didattiche che tengono conto delle indicazioni programmatiche dell’Istituto e di esigenze specifiche delle singole classi. All’interno di queste, vengono predisposti, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di ingresso e prove di verifica periodiche che consentono di controllare il livello di apprendimento dei singoli alunni e la validità della programmazione, per poi attivare iniziative di recupero e di sostegno, nonché di potenziamento anche attraverso la flessibilità organizzativa.

La valutazione nella scuola primaria tiene conto dei seguenti criteri:

  • Progressi ottenuti rispetto ai livelli di partenza anche in relazione alle strategie individualizzate messe in atto;
  • Impegno e grado di partecipazione alle attività scolastiche;
  • Livello di acquisizione degli obiettivi educativi e didattici;
  • Personalità,caratteristiche e grado di maturazione del singolo alunno, anche in relazione all’ambiente socio-culturale di appartenenza.
  • Il profilo d’uscita prevede il raggiungimento dei seguenti livelli minimi di apprendimento:

Ambito linguistico espressivo.

  • Comprensione e produzione del discorso parlato e scritto, in tutta la pluralità dei testi possibili, sollecitando sia l’efficacia della comunicazione sia il controllo della validità dei ragionamenti.
  • Comprensione e produzione di messaggi scritti pratici ed essenziali.
  • Comprensione della struttura della lingua italiana.
  • Lettura intesa come emozione, scoperta, partecipazione, recitazione.
  • Apprendimento di semplici conoscenze di una lingua comunitaria.
  • Apertura ai linguaggi della mente e del corpo come legame trasversale tra le discipline del curricolo: musica, immagine, recitazione, arti figurative, attività motoria.

Ambito scientifico e logico-matematico.

  • Costruzione della conoscenza scientifica attraverso momenti applicativi, di indagine e cognitivi.
  • Apprendimento di tecniche metodologiche matematiche per la risoluzione di problemi diversi e con percorsi alternativi di soluzione.

Ambito antropologico.

  • Apprendimento della geografia secondo una dimensione descrittiva e di interazione tra ambiente e uomo.
  • Ricostruzione dei fatti storici attraverso la lettura dei segni che caratterizzano il paesaggio rurale e urbano del nostro Paese.
  • Conoscenza elementare delle culture europee ed extra europee.
  • Conoscenza degli avvenimenti salienti che caratterizzano la nostra storia e che riguardano idee, saperi, arti, cultura, vivere quotidiano.
  • Utilizzo delle nuove tecnologie della comunicazione, sia a scopo creativo sia di didattica interdisciplinare.

VALUTAZIONE NELLA SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO

Lo scrutinio finale (valutazione sommativa) viene effettuato sulla base di obiettivi e trasparenti elementi di giudizio, nella consapevolezza del delicato compito che i docenti sono chiamati a svolgere a conclusione del processo educativo. A tale proposito i docenti hanno redatto e condiviso una Rubrica di Valutazione  che definisce obiettivi e descrittori nelle varie discipline specificando per ognuno la relativa Scala di valutazione.

ITALIANO     STORIA        GEOGRAFIA        LINGUE (Inglese e Spagnolo)        ARTE E IMMAGINE

MATEMATICA           SCIENZE          TECNOLOGIA             SCIENZE MOTORIE

La documentazione della valutazione avviene attraverso la compilazione dei verbali degli incontri, dei registri personali e di classe, delle scheda di valutazione dell’alunno. Tutti i documenti sono redatti con criteri di chiarezza e trasparenza. La Scheda di valutazione dello studente viene compilata dall’equipe pedagogica e da questa si rileva, di conseguenza, il livello di apprendimento e sviluppo delle competenze di ciascun allievo. E’ stata anche avviata la sperimentazione sull’uso del registro elettronico. 

L'I.C. Renato Fucini ha partecipato al progetto VALUTAZIONE E MIGLIORAMENTO: "Progetto Istituzionale" che si prefigge di valutare e supportare la scuola nelle varie attività. 

Il nostro Istituto nel 2013/14 è stato monitorato con una azione di tutoraggio durante tutto l’anno scolastico, dal 2014/15 è inserito nel Sistema Nazionale di Valutazione.

SNV

Il Sistema nazionale di valutazione (SNV) costituisce una risorsa strategica per orientare le politiche scolastiche e formative alla crescita culturale, economica e sociale del Paese e per favorire la piena attuazione dell’autonomia 

SNVInvalsi: Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione e formazione;delle istituzioni scolastiche.
Per migliorare la qualità dell'offerta formativa e degli apprendimenti, l’SNV valuta l’efficienza e l’efficacia del sistema educativo di istruzione e formazione.
Il Sistema nazionale di valutazione è costituito da:

  • Indire: Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa;
  • Contingente ispettivo   

(tratto da http://www.istruzione.it/snv/index.shtml )